261 – Tavolo tecnico Unep – I risultati dell’incontro del 20 dicembre us

/ 21 Dicembre, 2018/ Amministrazione Giudiziaria, Ufficiali giudiziari

Nella riunione del 20 dicembre scorso, alla presenza del direttore Ufficio IV dott.ssa Gandini, sono state affrontate le tematiche relative: alla mancata attuazione dell’art. 492bis cpc, al progetto Tablet (in prossima sperimentazione presso l’UNEP di Milano) e ai protesti telematici.
Dopo ampia e approfondita analisi, si è condiviso un documento in cui vengono evidenziati gli impedimenti alla piena attuazione del sistema delle indagini patrimoniali sui beni del debitore, sottolineando l’obiettivo primario di addivenire al più presto all’accesso diretto alle banche dati da parte degli uffici NEP: La centralità del ruolo dell’ufficiale giudiziario, nella sua qualifica di pubblico ufficiale, garantisce il creditore nel soddisfacimento dei propri diritti, tutelando al contempo ogni cittadino da intromissioni abusive sui propri dati patrimoniali da parte di soggetti talvolta non identificabili: la mancata attuazione delle disposizioni normative favorisce infatti sistemi di acquisizione di dati di dubbia liceità. Il tavolo tecnico è impegnato altresì nella definizione di modalità
applicative del 492bis che consentano una omogeneizzazione delle procedure sul territorio nazionale.
I lavori proseguiranno a gennaio con la partecipazione anche della DGSIA, il cui ruolo è indispensabile per lo scioglimento di tutti nodi tecnici e per il buon esito della riforma.
Inoltre sono state affrontate le problematiche relative all’attuazione del progetto Tablet, evidenziando le criticità tecniche già esposte dalla Dirigente UNEP di Milano, che al momento ne impediscono la piena implementazione sul complesso delle notifiche e delle esecuzioni. L’intervento della DGSIA alle prossime riunioni è finalizzato anche a fare il punto sullo stato degli interventi di adeguamento del software.
Nella prossima riunione saranno affrontati anche i temi relativi al protesto telematico e al registro telematico per la trasmissione dei dati alle Camere di Commercio per l’iscrizione sul bollettino dei protesti.
Altra tematica all’ordine del giorno nel prosieguo dei lavori è quella relativa ai compensi di cui all’art. 122 del DPR 1229/59, sia in relazione all’attività di recupero delle spese di giustizia che alla liquidazione delle somme di spettanza dei lavoratori.

Allegati