Login


Per gli allegati accedi qui!



Iscriviti alla CISL


Mondo CISL

Link consigliati:
Cisl
Il sito ufficiale della CISL
Cisl News
Le notizie, il mondo del lavoro e altro!
Cisl Funzione Pubblica
La nostra Federazione
Conquiste del lavoro
Quotidiano della CISL fondato nel 1948 da Giulio Pastore

Previsioni meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it

Santo del giorno

Manifesti storici

Manifesti storici

Chi è online

 54 visitatori online

Statistiche

Utenti : 806
Contenuti : 2131
Link web : 10
Tot. visite contenuti : 1470176
Home Giustizia Minorile
Giustizia Minorile
89 - Progressioni economiche 2018 DGMC – Riunione preliminare il prossimo 12 aprile Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 06 Aprile 2018 21:17

Le organizzazioni sindacali sono state convocate per il prossimo 12 febbraio, ore 11.00, al fine di discutere preliminarmente delle progressioni economiche anno 2018 per il personale delle funzioni centrali in servizi presso l’amministrazione per la giustizia minorile e di comunità. Vi terremo informati.

 
85 - Personale soppresso ICF - I risultati della riunione del 4 aprile 2018 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 05 Aprile 2018 20:22

Si svolto il 4 aprile scorso il programmato incontro in ordine alla ricollocazione del personale in servizio presso l’Istituto Centrale di Formazione con sede in Roma, Castiglione delle Stiviere e Messina.
Presenti il Dott. Starita e il Dott. Buffa rispettivamente direttori generali del personale del DGMC e del DAP.
L’amministrazione, con apposita informativa del 30 marzo scorso, aveva comunicato alle oo.ss. (cfr. allegato) le sedi di servizio del medesimo dipartimento con scoperture in organico presso le quali il suddetto personale potrà essere ricollocato.
Preliminarmente l’amministrazione ha rappresentato che per quanto riguarda la sede di Messina il personale ivi in servizio sarà ricollocato presso gli uffici dipartimentali della stessa città. Ha poi precisato che tali uffici (USSM e CPA) insistono all’interno dello stesso edificio del soppresso ICF.
Il dibattito fra oo.ss. e amministrazione si è poi concentrato sulla ipotesi di ricollocazione di cui alla informativa del 30 marzo scorso.
Relativamente al personale in servizio presso il soppresso ICF di Castiglione delle Stiviere l’amministrazione ha rappresentato che lo stesso verrà ricollocato presso gli uffici del medesimo dipartimento nelle città di Mantova, Verona e Brescia e che, stante la richiesta del DAP, lo stesso verrà contestualmente distaccato presso la nuova Direzione Generale della Formazione e quindi nel medesimo centro di formazione di Castiglione delle Stiviere.
Quanto alla sede centrale di Roma, l’amministrazione ha rappresentato che il personale ivi in servizio potrà essere ricollocato presso gli uffici del medesimo dipartimento che insistono nella stessa città (CGM, UIEPE, CPA, USSM e IPM). L’amministrazione ha altresì rappresentato che il DAP per la nuova Direzione Generale della Formazione ha fatto richiesta di n. 5 unità e che quindi, previo consenso degli interessati, altrettanti lavoratori verranno distaccati presso la predetta direzione.
La CISL, al fine di tutelare il diritto di scelta dei lavoratori interessati, ha chiesto all’amministrazione di attivare in favore di tali lavoratori le procedure per la mobilità interna mediante pubblicazione di apposito interpello.
Quanto al personale già distaccato presso altre sedi l’amministrazione su sollecitazione della CISL ha chiarito che lo stesso continuerà ad essere distaccato senza soluzione di continuità.

 
80 - Incarichi direttivi uepe locali – conferiti gli incarichi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Sabato 31 Marzo 2018 11:02

Pubblichiamo la nota con la quale l’amministrazione ha comunicato alle organizzazioni sindacali l’avvenuto conferimento di n.43 incarichi direttivi presso gli UEPE locali giusta interpello del 18 dicembre 2017.

 
60 - Personale del soppresso Istituto Centrale della Formazione Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 08 Marzo 2018 22:41

Pubblichiamo la documentazione ricevuta dall'amministrazione in ordine a "Personale del soppresso Istituto Centrale della Formazione"


 

 

 
47 - Assunzioni - Pubblicato sulla GU concorso x funzionario della professionalità di servizio sociale Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 13 Febbraio 2018 21:28

Pubblicato sulla gu n.12 del 9.2.2018 quarta serie speciale concorso pubblico, per esami, a duecentocinquanta posti a tempo indeterminato per il profilo professionale di funzionario della professionalità di servizio sociale, III area funzionale,fascia retributiva F1.

 
43 - assunzioni - l’atto ricognitivo della direzione generale del personale Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 09 Febbraio 2018 22:27

Pubblichiamo la nota nella quale la direzione generale del personale illustra tutte le assunzioni effettuate nel corso del 2017 e quelle in via di perfezionamento.

 
21 - progressioni economiche - nuova nota del DGMC Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 18 Gennaio 2018 22:14

 
19 - Criteri per l'attribuzione degli incarichi di Responsabile di Area/Sezione staccata degli UEPE Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 17 Gennaio 2018 23:15


Si è svolto l'11 gennaio scorso l'incontro al DGMC per i criteri di attribuzione degli incarichi di Responsabile di Area/Sezione distaccata. All'incontro erano presenti il Direttore Generale del Personale, Starita, ed il Direttore Generale EPE,Castellano, i quali hanno provveduto ad illustrare la proposta che pubblichiamo .
Il Direttore Generale Starita, in premessa alla discussioni di cui all’ordine del giorno, ha provveduto a fornire spiegazioni in merito alla mancata consultazione riguardo  l'interpello nazionale per Direttori di Uffici locali EPE, evidenziando come il DM inerente la distribuzione degli UEPE sul territorio, prevedendo criteri di massima, consentisse all'Amministrazione di provvedere unilateralmente alla nomina dei direttori.
CGIL, CISL e UIL hanno stigmatizzato fermamente il comportamento dell'Amministrazione poco rispettoso delle relazioni sindacali, rammentando come gli istituti della informazione e della consultazione-confronto sia necessario all'amministrazione per acquisire quegli elementi che consentono di raggiungere il miglior funzionamento del modello organizzativo adottato attraverso il contributo di chi opera quotidianamente per realizzare la mission dell'Amministrazione. Senza tale contributo si potrebbero determinare problematiche organizzative difficilmente risolvibili partendo da una visione meramente astratta e verticistica.
Entrando nel merito della proposta, il Direttore Generale Starita ha chiarito che il punteggio elevato (40 punti) attribuito dall’amministrazione al primo criterio di selezione ("Adeguata Competenza") rappresenta un punto di equilibrio essenziale perché possano essere designati responsabili non soltanto coloro che hanno più anzianità di servizio e titoli di studio ma anche quanti abbiano esperienza, conoscenza, competenze  e capacità gestionali, organizzative e  relazionali.
In proposito, dopo ampio dibattito, CGIL, CISL, UIL, proprio allo scopo di equilibrare il punteggio attribuito ai requisiti richiesti e per rendere più trasparente e più oggettivo il criterio di selezione, hanno proposto di apportare le seguenti modifiche:
- al punto 1. L'introduzione di un punteggio per coloro che per lunghi periodi hanno sostituito il direttore svolgendo compiti di reggenza e quindi di gestione dell’Ufficio anche su più sedi e per un lungo periodo
- al punto 2. Articolazione specifica del punteggio complessivo (15 punti), attribuendo una scala di punteggio a ciascuno dei tre criteri proposti: 3 punti per la competenza tecnica; 5 punti per capacità relazionale ed affidabilità; 7 punti per le capacità gestionali ed organizzative
- al punto 3. L'elevazione a 20 del punteggio complessivo; l'attribuzione di un punteggio anche per il titolo di studio della scuola media superiore, per la laurea cd. breve nonché l’attribuzione di un punteggio anche per i Master di I livello, eguale a quanto previsto per i Master di II livello; l'attribuzione di 3 punti per il possesso di ulteriori lauree; l'eliminazione del corso di formazione susseguente alle procedure di riqualificazione, ritenuto lesivo per coloro che tale formazione non abbiano potuto sostenerla  nonché l'eliminazione del punteggio per le pubblicazioni, stante l'impossibilità di attribuirne la coerenza con l'attività svolta e la valenza scientifica.
Inoltre CGIL CISL e UIL hanno chiesto che, nell’assegnazione degli incarichi, venga data priorità a coloro che hanno il profilo professionale specifico, che venga sancita la durata triennale degli incarichi e che l’amministrazione provveda alla formale sostituzione dei capi area/sezione che dovessero assentarsi per lungo periodo. 
L'Amministrazione apprezzando la puntualità e concretezza di quanto proposto, si è riservata di approfondire quanto emerso dalla riunione.
A fine incontro il Direttore Generale, nel rispondere alle specifiche richieste di CGIL CISL e UIL, ha precisato che lo scorrimento della graduatoria INAIL sta portando all’assunzione di 28/30 nuovi assistenti sociali e ha informato i presenti che è in corso di definizione il bando relativo al concorso per l’assunzione degli assistenti sociali come previsto dalla legge di stabilità. Tale bando   dovrà essere pubblicato entro il 10 febbraio pv. A tal proposito, CGIL CISL e UIL manterranno alta l’attenzione verso il governo e quindi verso il Ministro della giustizia affinchè sia incrementato l’organico degli assistenti sociali e del restante personale in servizio presso l’esecuzione penale esterna. L’attività dell’amministrazione sarà assiduamente monitorata anche con riferimento agli interventi che continueremo a proporre sulla problematica degli organici in particolare.
Sarà nostra premura comunicarvi la data certa della pubblicazione del bando concorsuale ed informarvi sul proseguo delle iniziative.

 
11 - Progressioni economiche - nota di chiarimento del DGMC Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 11 Gennaio 2018 23:24

 

 
7 - Rinnovo RSU - mappatura sedi RSU giustizia minorile e di comunità Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 10 Gennaio 2018 20:46

 
2 - Progressioni economiche – La comunicazione del DGMC Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 03 Gennaio 2018 17:11

Pubblichiamo la nota dell’amministrazione per la giustizia minorile e di comunità concernente la pubblicazione dei bandi relativi alle progressioni economiche 2017.

 
1 - Criteri nomina capi aree uepe - Convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 03 Gennaio 2018 17:04

Le oo ss sono state convocate per il prossimo 11 gennaio, ore 12.00, al fine di discutere dei criteri di nomina dei funzionari ex art.13 comma 6 DM 23.2.2017. In tale riunione si affronterà anche la problematica concernente la individuazione di 43 funzionari della professionalità di servizio sociale da assegnare alla direzione degli UEPE locali. Pubblichiamo copia della convocazione.

 
227 - Direzione uepe locali - il sindacato confederale dice no a decisioni uniltarerali Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 27 Dicembre 2017 23:03

Dott. Vincenzo Starita
Direttore Generale del personale, delle risorse e per l'attuazione dei provvedimenti del giudice minorile

 


Oggetto: interpello finalizzato alla individuazione di 43 funzionari della professionalità di servizio sociale da assegnare alla direzione degli UEPE locali

 

Le scriventi organizzazioni sindacali sono venute a conoscenza dalle sedi periferiche che codesto Dipartimento in data 18 dicembre 2017 ha emanato un interpello finalizzato alla individuazione di 43 funzionari della professionalità di servizio sociale da assegnare alla direzione degli UEPE locali, comunicazione inviata alle OOSS solo in data 21 dicembre 2017 e priva del provvedimento che stabilisce i requisiti ovvero i criteri necessari alla partecipazione del bando.

A riguardo evidenziamo da parte di codesta amministrazione una modalità comunicativa poco ortodossa relativamente alle regole e alle prassi che caratterizzano le buone relazioni sindacali in quanto non solo avevamo avuto rassicurazioni che i criteri di selezione sarebbero stati oggetto di confronto con le organizzazioni sindacali ma risulta oltremodo stridente la circostanza che il predetto provvedimento nella sua completezza non sia stato trasmesso alle rappresentanze sindacali neanche a titolo di informazione successiva.

Giova opportuno rammentare che quello della informazione costituisce un preciso obbligo giuridico che sia la legge sia le norme contrattuali   pongono a carico del datore di lavoro pubblico e che non ammette deroghe neanche per asserite ragioni di urgenza. Inoltre riteniamo di fondamentale importanza che l’individuazione dei criteri per il conferimento degli incarichi siano la sintesi dell’accordo tra le parti , indispensabile per i lavoratori e per la stessa amministrazione, per scongiurare una discrezionalità indiscriminata e, quindi, inevitabili contenziosi.

CGIL CISL e UIL, pertanto, al fine di tutelare il personale che parteciperà all’interpello per ricoprire i predetti incarichi direttivi chiedono con urgenza la convocazione di un apposito incontro per discutere della materia e contestualmente la  sospensione della procedura di interpello.

CGIL CISL e UIL si riservano l’adozione di ulteriori iniziative in caso di negativo riscontro. Distinti saluti.

 
183 - Assunzione contingente di Funzionari della professionalità di servizio sociale al DGMC - I risultati della riunione del 12 settembre us Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 17 Ottobre 2017 09:30


Si è svolto il 12 settembre scorso il programmato incontro al DGMC in tema di assunzione di un contingente di funzionari della professionalità di servizio sociale dalla graduatoria di un concorso INAIL già espletato in ambito regionale.

Alla riunione, oltre al Capo Dipartimento Tuccillo, che si è limitato a salutare i presenti, hanno partecipato il Direttore Generale del Personale Starita, il Direttore Generale EPE Castellano ed i dirigenti di staff.

Il dott. Starita ha illustrato la volontà dell’amministrazione di assumere un contingente di 43/44 funzionari di servizio sociale dalla graduatoria INAIL sopra indicata. Lo stesso direttore generale ha precisato che i neo assunti saranno assegnati unicamente agli Uffici EPE che presentano gravi scoperture e prioritariamente a quelli presenti nelle regioni nell’ambito delle quali si è svolto il concorso INAIL.

Il direttore generale Starita, inoltre, ha evidenziato la impossibilità, anche per ragioni di tempo, di procedere ad un interpello straordinario preventivo per la figura professionale di funzionario di servizio sociale. Per tale motivo, a tutela dei funzionari di servizio sociale in servizio, lo stesso direttore generale ha proposto di accantonare una specifica aliquota di posti vacanti da destinare alla mobilita interna subito dopo le predette assunzioni.

Il direttore generale Starita ha poi preannunciato che la prossima Legge di Stabilita, attualmente al vaglio del Parlamento, verosimilmente conterrà l’autorizzazione ad assumere 300 funzionari di servizio sociale, al netto delle assunzioni già autorizzate. Queste ultime saranno effettuate in parte dalla graduatoria INAIL, per la parte residua dalle graduatorie di concorsi svolti presso altri enti, in particolare presso gli enti locali.

CGIL, CISL e UIL, stante gli obblighi normativi, hanno condiviso l'impostazione proposta ma hanno colto l'occasione per rappresentare alcuni aspetti del nuovo modello organizzativo che hanno destato perplessità in quanto coinvolgono operativamente il già esiguo numero di personale presente il quale con difficoltà riesce allo stato ad adempiere ai compiti istituzionali. Ci riferiamo ad esempio al servizio di antenne operative negli Istituti penitenziari, all'apertura di sportelli presso i tribunali finalizzati alla  misura della messa alla prova  o all'assegnazione di funzionari  giuridico pedagogici presso gli UIEPE e gli UDEPE senza la determinazione a monte delle loro competenze operative e professionali nel settore dell'esecuzione penale esterna ossia non prettamente detentive.

Il direttore generale Castellano ha chiarito che queste nuove modalità organizzative e quindi operative sono finalizzate a deflazionare il lavoro degli Uffici di esecuzione penale esterna realizzando una interazione immediata con i legali e con l'utenza. Inoltre la stessa ha precisato che la presenza di personale educativo, seppure in in numero ridotto, servirà ad avviare anche negli UIEPE e negli UDEPE l'attività multidisciplinare e multiprofessionale in favore dell'utenza.

CGIL, CISL e UIL hanno evidenziato l'esperienza dell'USSM di Napoli ove è attivo da circa vent'anni un contingente di funzionari pedagogici proprio per realizzare progetti multidisciplinari. Successivamente hanno invitato la dott.ssa Castellano a promuovere iniziative  formative finalizzate  a sensibilizzare la dirigenza sul processo innovativo ce si sta cercando di implementare e sulla necessità di informare e comunicare al personale nei rispettivi uffici i contenuti delle attività che si andranno ad intraprendere    affinchè si possano  organizzare al meglio,  in un ottica di condivisione,  i servizi. CGIL CISL e UIL inoltre hanno rappresentato che facilitare e favorire la comunicazione ed il confronto nei posti di lavoro tra il personale e la dirigenza consentirebbe alla dirigenza di abbandonare e smussare quell'atteggiamento di sterile rigidità in tema di gestione del personale che non aiuta a rendere l'organizzazione più efficiente.
I due direttori generali, nel riscontrare le richieste di CGIL CISL e UIL, hanno informato i presenti della volontà di organizzare un seminario specifico sulle problematiche della riforma in favore del personale UEPE ed in particolare in favore dei dirigenti UEPE.

Infine CGIL CISL e UIL hanno sottolineato come attualmente sia carente il raccordo tra dipartimento dell’amministrazione penitenziaria e DGMC. Infatti per CGIL CISL e UIL solo un’azione sinergica e di reciprocità dei due dipartimenti può aiutare il DGMC a risolvere la grave situazione in cui versa ormai da due anni.

Vi informeremo sugli sviluppi.

 
179 - Riforma dell'esecuzione penale - Ancora una volta il sindacato scrive al Ministro Orlando Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 10 Ottobre 2017 09:26

 

 
175 - Assunzioni Assistenti sociali - Convocate le OO.SS. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 10 Ottobre 2017 08:34

Le organizzazioni sindacali sono state convocate per il prossimo 12 ottobre, ore 10.30, presso la sede del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità al fine di discutere dell'assunzione di assistenti sociali ex art.13 comma 1 della legge 46/2017. Vi terremo informati sui risultati dell'incontro.

 
149 - Nuove piante organiche e fua 2017 - I risultati della riunione di oggi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 21 Luglio 2017 23:51

Si è svolto questa mattina presso il Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità il previsto incontro in tema di piante organiche e fua 2017.
All’inizio della riunione il Direttore Generale del personale, Starita, ha precisato che, per quanto riguarda le strutture minorili, la nuova proposta, a causa della penuria di personale nell’organico dell’area contabile, prevede almeno un contabile in ogni città con il sacrificio di qualche assistente amministrativo. Inoltre è stato ridotto di quattro unità l’organico di funzionario contabile in favore dell’organico del Funzionario della professionalità di servizio sociale. Tali quattro unità sono state assegnate agli USSM di Torino, Venezia, Bologna e Firenze.

Con riferimento agli UEPE, il direttore generale dell’esecuzione penale esterna, Castellano, ha affermato che la distribuzione del personale negli uffici è stata effettuata tenendo conto del carico di lavoro individuale privilegiando gli UIEPE e gli UEPE distrettuali, considerati come volano della probation.

Nel loro intervento CGIL CISL e UIL hanno sostenuto, preliminarmente, che a seguito della riforma dell’esecuzione penale e della riorganizzazione delle amministrazioni penitenziarie (DAP e DGMC) l’attuale organico, che presenta gravi scoperture, è del tutto sottodimensionato rispetto alle reali esigenze degli uffici.  Siccome alla deficienza degli organici si aggiunge la penuria di risorse materiali e finanziarie, CGIL CISL e UIL hanno comunicato di aver già denunciato la gravità della situazione al ministro, chiedendo allo stesso un incontro, ed hanno preannunciato l’adozione di ulteriori e più pregnanti iniziative di mobilitazione a partire dal prossimo autunno.
Pertanto, ribadendo che la dotazione è del tutto insufficiente e che dunque non può trovare l’approvazione delle OO.SS, hanno chiesto alla Amministrazione che si passi appena possibile ad adottare la determinazione triennale del fabbisogno che possa dare risposte concrete in ordine alla gravi sofferenze degli uffici.

Nello specifico, CGIL CISL e UIL hanno inoltre aggiunto che, date le condizioni, non è possibile depauperare gli uffici locali a favore degli interdistrettuali; sugli uffici locali infatti grava un significativo carico di lavoro da un punto di vista quantitativo e qualitativo che va evaso in ambiti territoriali molto vasti e sovente disagiati da un punto di vista orografico e delle vie di trasporto.

CGIL CISL e UIL hanno poi affrontato la questione dell’autonomia contabile che va riconosciuta agli UEPE locali, quali quello di Siena, non solo per decreto ma attraverso provvedimenti amministrativi conseguenti, quali la previsione in pianta organica di funzionari contabili, e specifiche assunzioni in tale figura professionale.

CGIL CISL e UIL hanno infine segnalato l’urgenza di dare il giusto riconoscimento, giuridico ed economico, ai direttori reggenti degli UEPE.

In merito al FUA, CGIL CISL e UIL, pur apprezzando l’intento dell’amministrazione, hanno chiesto di rinviare ogni decisione al tavolo negoziale interdipartimentale che è quello competente a decidere secondo la norma. Successivamente hanno precisato che l’assegnazione delle posizioni organizzative è riservata al personale del comparto ministeri e che vi è una disparità di trattamento, che va sanata, tra l’indennità datoriale prevista in favore dei direttori reggenti degli UEPE e la posizione organizzativa prevista in favore dei direttori di IPM. È evidente che per CGIL CISL e UIL quest’ultima deve essere elevata.

Al termine della riunione il direttore generale del personale ha parlato delle gravi scoperture in tutte le figure professionali, quantificando in particolare l’attuale carenza nella figura del funzionario della professionalità di servizio sociale (1701 unità in organico con una scopertura di 388 unità) ed ha assegnato un ulteriore termine di dieci giorni per l’inoltro di ulteriori osservazioni in tema di piante organiche.  Le decisioni sul FUA sono state rinviate alle prossime riunioni.

 

 
148 - Nuove piante organiche e FUA 2017 - la nuova proposta dell'amministrazione Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 19 Luglio 2017 17:53

Pubblichiamo la documentazione trasmessa dall'amministrazione in vista della riunione del prossimo 21 luglio.

 
145 - Nuove piante organiche e fua 2017 - Riunione rinviata al 21 luglio p.v. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 18 Luglio 2017 10:26

L’incontro presso il Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità, già programmato per il 20 luglio 2017, è stato rinviato al 21 luglio. Pubblichiamo copia della nota di rinvio.

 
143 - Nuove piante organiche e fua 2017 - Convocare le oo ss per il 20 luglio pv Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Domenica 16 Luglio 2017 22:24

Le oo ss sono state convocate per il prossimo 20 luglio, ore 15.00, al fine di discutere di "ripartizione delle dotazioni organiche del personale amministrativo delle strutture centrali e territoriali" del DGMC e "proposta FUA 2017" pubblichiamo copia della convocazione. vi terremo informati.

 
140 - DGMC - cgil cisl e uil scrivono al Ministro Orlando Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 11 Luglio 2017 09:51

Con nota inviata in data odierna al ministro orlando, le federazioni nazionali fp cgil cisl fp e uil pa hanno denunciato la grave situazione in cui versa il dipartimento per la giustizia minorile e di comunità a causa delle riforme dell’esecuzione penale chiedendo di conferire direttamente con la massima autorità politica per discutere delle misure che il ministero vorrà adottare. vi terremo informati sugli sviluppi.

 
135 - Nuove piante organiche per il DGMC - I risultati della riunione del 28 giugno 2017 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 04 Luglio 2017 16:34

Il 28 giugno 2017 il Capo del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità dott.ssa Gemma Tuccillo  ed il Direttore Generale del Personale, delle risorse e per l’attuazione dei provvedimenti dell’autorità giudiziaria minorile dott. Vincenzo Starita hanno illustrato alle organizzazioni sindacali la proposta di nuove piante organiche del personale amministrativo delle strutture centrali e territoriali (DGMC), evidenziando il lungo lavoro di analisi effettuato dagli operatori che hanno lavorato su parametri e criteri certi  quali i carichi di lavoro e/o altre criticità.

Il Capo Dipartimento ha parlato anche della carenza di personale e della volontà di colmarlo. Ha poi precisato che l’amministrazione non ha nessuna intenzione di utilizzare solo la Polizia Penitenziaria nelle strutture del dipartimento come dimostra il fatto che vengono impiegati nelle predette i volontari ed il personale del servizio civile. Infine il Capo Dipartimento ha comunicato che si sta procedendo allo scorrimento delle graduatorie degli Educatori e che entro fine settembre avverrà anche lo scorrimento della graduatoria dei Funzionari di servizio sociale INAIL.

Il Direttore Generale infine ha evidenziato come indicare l’effettivo fabbisogno di personale alla luce delle reali esigenze e approvare le piante organiche in tempi stretti costituisca uno strumento di pressione nei confronti della politica per ottenere nuove assunzioni.

Nel ringraziare gli operatori del dipartimento che hanno collaborato alla definizione delle piante organiche per il lavoro svolto, CGIL, CISL E UIL hanno evidenziato come le stesse non recuperano i livelli numerici precedenti ai tagli effettuati dalle leggi finanziarie che si sono succedute dal 2010 in poi, precisando che all’epoca i servizi sociali sia dei minori che degli adulti e gli IIPPMM erano impegnati in “prese in carico” di numero inferiore rispetto a quelle attuali. Infatti, in seguito, gli interventi legislativi di riforma hanno ampliato l’utenza includendovi i soggetti sino ai 25 anni per gli USSM e gli adulti sottoposti alla “messa alla prova” per gli UEPE. CGIL CISL e UIL hanno ravvisato quindi la necessità in generale del potenziamento degli organici rappresentando che in prospettiva è inevitabile un ulteriore aumento dell’utenza in previsione della realizzazione della legge delega di riforma del processo penale.

È stata, peraltro evidenziata la necessità di rivedere gli organici degli UEPE, adeguando le piante organiche ai carichi di lavoro reali, anche dei settori amministrativo contabili, attraverso una dettagliata analisi dei fabbisogni di ciascuna singola struttura.

CGIL, CISL e UIL nel corso della riunione hanno comunque segnalato le difficoltà dovute alla carenza di personale ovvero al sottodimensionamento delle dotazioni organiche degli uffici di alcune città quali Lecce, Palermo, Messina, Reggio Calabria, Patti e Roma. CGIL CISL e UIL hanno poi chiesto che il personale in servizio presso le sedi soppresse (ICF) possa essere riassegnato a domanda presso altri uffici della stessa sede o di altra sede, anche di diversa pubblica amministrazione.

La parte pubblica, sollecitata dalle scriventi organizzazioni, ha poi rappresentato l’intenzione di evitare spostamenti di personale anche laddove si presentassero situazioni di esubero, manifestando la piena disponibilità alla sottoscrizione di un nuovo accordo sulla mobilità che dia regole certe per distacchi, applicazioni e trasferimenti ecc. e che garantisca la stabilità ai lavoratori che dovessero trovarsi in posizione soprannumeraria.

Le stesse organizzazioni hanno poi sollevato la problematica relativa al non inserimento in pianta organica degli Psicologi, chiedendo il transito degli stessi presso le ASL.  Su quest’ultimo punto il direttore generale dott. Starita ha comunicato di aver investito del problema l’Ufficio legislativo presso l’amministrazione centrale dal quale si attende il previsto parere, ciò al fine di uniformare gli orientamenti interpretativi del DGMC e quelli del DAP, in particolare sull’inserimento di tali professionalità in area trattamentale ovvero in quella sanitaria.

L’amministrazione ha chiuso la riunione assegnando alle oo.ss. presenti il termine di 10 giorni per l’invio di eventuali precisazioni e/o osservazioni scritte.

Informiamo altresì i colleghi che a margine della riunione CGIL, CISL E UIL hanno espresso all’Amministrazione la forte insoddisfazione per il provvedimento del DAP che ha trasferito d’Ufficio il personale della ex direzione generale dell’area penale esterna al nuovo Dipartimento, tradendo gli accordi di mobilità precedentemente sottoscritti con le organizzazioni sindacali. L’amministrazione ha garantito che verrà incontro, per quanto possibile, alle esigenze personali e professionali dei singoli dipendenti trasferiti.

 

 
134 - Bozza di DM istitutivo dei Nuclei di Polizia Penitenziaria presso UEPE e USSM - Riunione del 26/06/2017 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 27 Giugno 2017 09:35

Si è tenuto presso il DGMC, alla presenza del Direttore Generale del Personale, dott. Starita, l'atteso confronto sulla bozza di DM istitutivo dei Nuclei di Polizia Penitenziaria presso gli Uffici EPE e di Servizio Sociale Minorenni.

Rispetto alla bozza precedente la nostra delegazione, pur apprezzando lo sforzo di recepire le nostre osservazioni, ha tuttavia evidenziato come una ulteriore specificazione del fatto che gli accertamenti sono una prerogativa del personale del comparto ministeri (precisamente dei funzioni della professionalità di servizio sociale) e che il coinvolgimento della polizia penitenziaria può avvenire solo su richiesta del predetto personale e per attività di mero supporto e collaborazione andrebbe nella direzione e di chiarire al meglio le competenze e di tranquillizzare il personale del Comparto Ministeri. Inoltre abbiamo rilevato come il decreto non prende in adeguata considerazione l’impatto che la gestione del personale di polizia penitenziare avrà sulla struttura amministravo-contabile degli UEPE. Non si prevede infatti alcun incremento dell’organico delle figure amministravo-contabili né la loro valorizzazione.

Il Direttore Generale, nel corso del confronto ha ulteriormente chiarito che gli accertamenti da parte del personale di Polizia Penitenziaria saranno disposti dal Dirigente su indicazione del funzionario di servizio sociale assegnatario del caso. Analogamente, la partecipazione del Comandante del Nucleo P.P. alle equipe è prevista per le sole misure trattamentali.

Come pure è stato rilevato che la definizione dell'articolo 6 sulla costituzione del Nucleo presso gli USSM, seppure migliorata rispetto alla precedente bozza, suscita ancora molta perplessità anche per il peso che la gestione di un Nucleo, seppure di ridotte dimensioni, comporterà a carico di strutture gestionali esigue, come sono i Servizi Sociali minorili. Sul punto abbiamo indicato come soluzione alternativa la costituzione del Nucleo in seno ai CGM, presso cui, peraltro, la presenza del personale del Corpo è già prevista dal DM del 2004, relativo alle attuali piante organiche della polizia penitenziaria.

Infine, abbiamo fatto rilevare come la legge delega approvata il 14 giugno in tema di riforma dell'Ordinamento Penitenziario, prevedendo i controlli all'esterno da parte della Polizia Penitenziaria, determinerà profondi cambiamenti nelle norme anche del settore minorile. Per tale motivo abbiamo rappresentato come tale riforma potrebbe rendere superato il DM, in particolare per quel che riguarda i compiti della PP negli UEPE, ed abbiamo chiesto all'Amministrazione di valutare la congruità del decreto stesso alla luce del nuovo quadro normativo, soprattutto con riferimento al circuito minorile.

Il Direttore Generale Starita, disponibile al confronto, ha assicurato che, data la delicatezza della materia, vaglierà con estrema attenzione tutti i suggerimenti, anche tecnici, emersi dal confronto, chiedendo alle OO.SS di produrre ulteriori osservazioni sull'art. 6 (istituzione nuclei polizia penitenziaria presso gli USSM) e riservandosi una valutazione sul prosieguo del cammino del DM, alla luce delle novità legislative, soprattutto per quel che riguarda le strutture dei minori.

Vi terremo prontamente informati degli ulteriori sviluppi.

 
131 - Dotazioni e piante organiche DGMC - La nuova documentazione trasmessa alle oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 26 Giugno 2017 09:16

Pubblichiamo la documentazione trasmessa alle oo ss dall'amministrazione in tema di dotazioni e pinate organiche in vista della riunione del prossimo 28 giugno. vi terremo informati.

 
128 - Istituzione nuclei pol pen negli uepe - Nuova bozza decreto Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 22 Giugno 2017 09:42

In vista della riunione del prossimo 26 giugno, pubblichiamo la nuova bozza di DM sulla istituzione dei nuclei di pol pen presso gli uepe, trasmesso dall'amministrazione alle oo ss.

 
127 - Nuove piante organiche - Rinviata la riunione del 23 giugno Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 22 Giugno 2017 09:35

La riunione sulle nuove piante organiche del DGMC (amministrazione centrale e periferica), già fissata per il 23 giugno, è stata rinviata al 28 giugno pv. vi terremo informati.

 
124 - Istituzione nuclei pol pen negli upepe - Rinviata la riunione del 19 giugno Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 16 Giugno 2017 14:42

Con nota inviata il 13 giugno, che pubblichiamo, l'amministrazione ha comunicato il rinvio al 26 giugno della riunione già fissata per il 19 giugno in merito alla istituzione presso gli uepe dei nuclei di polizia penitenziaria. La riunione sarà congiunta con le oo ss della polizia penitenziaria e della dirigenza. Vi terremo informati

 
122 - Bozza dm istitutivo nuclei polizia penitenziaria presso gli uepe e gli ussm - i risultati della riunione di oggi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 12 Giugno 2017 13:53

Si è svolta lo scorso 9 giugno la prevista riunione sul DM di istituzione dei nuclei di polizia penitenziaria negli UEPE e negli USSM.
L’Amministrazione, in premessa, ha illustrato le modifiche apportate alla bozza descrivendo l’impianto come improntato a maggior flessibilità ed efficienza del servizio; ha inoltre motivato la modifica, rispetto al testo originario, relativamente alla presenza dei nuclei negli USSM piuttosto che nei CGM, con il fatto che la misura maggiormente utilizzata presso i minori è la messa alla prova.
In premessa come FPCGIL, CISL FP e UILPA abbiamo rappresentato la preoccupazione, nel quadro più generale della riforma del Dipartimento, che tale istituzione così come prospettata possa risultare un mezzo improprio per far fronte alle carenze di organico anche di servizio sociale. Tale assunto è confermato dai criteri posti a base dell’attività che i nuclei della polizia penitenziaria sono chiamati a svolgere negli UEPE ossia il criterio della flessibilità e quello della efficienza del servizio. Questi ultimi, infatti, rendono permeabile il confine tra le competenze della polizia e quelle del personale del comparto ministeri per cui è verosimile che in una situazione di grave carenza di risorse umane, strumentali e finanziarie, per far fronte all’ingente carico di lavoro la dirigenza degli uffici richieda al personale della polizia anche prestazioni trattamentali e/o amministrativo-contabili.
Come più volte rappresentato, FPCGIL, CISL FP e UILPA hanno ribadito che la riforma del Dipartimento e le numerose novità legislative possono e devono essere supportate da politiche adeguate di investimento sul personale, in particolare quello di servizio sociale nonché quello amministrativo-contabile, che ha visto un aumento ingente del carico di lavoro.
Abbiamo poi manifestato la nostra condivisione relativamente alla stabilizzazione del personale di polizia penitenziaria negli uffici ove è già presente, ritenendo opportuna la creazione di una dotazione organica e di criteri di trasparenza nell’assegnazione nonché la necessità di una adeguata formazione specifica.
Tuttavia, tenendo conto dell’attuale quadro normativo nazionale e sovranazionale, abbiamo rappresentato come la bozza di DM, pur recependo alcune osservazioni  a  suo  tempo  formulate,  possa  indurre  a  commistioni  di  compiti assegnati a una o all’altra professionalità dalle norme vigenti.
Abbiamo quindi messo in rilievo alcune vistose incongruenze, riservandoci di inviare osservazioni dettagliate, in relazione all’articolato, con  particolare riferimento ai compiti, che devono essere diversi seppure complementari a quelli del personale di servizio sociale, alla organizzazione gerarchica nell’ufficio ed all’impropria menzione della messa alla prova, in cui vi è la sospensione del procedimento e dunque non vi è pena.
Proprio in relazione all’ultimo punto abbiamo chiesto che si tornasse alla bozza iniziale, che prevedeva la stabilizzazione della polizia penitenziaria nei CGM, eliminandola dagli USSM presso i quali a nostro avviso la eventuale presenza andrebbe a cozzare con le norme vigenti ed anche contro lo spirito principale della messa alla prova.
L’Amministrazione si è riservata di esaminare nel dettaglio le proposte che perverranno e ha dichiarato di essere aperta ad esaminare possibili modifiche.
Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

 
117 - Pol pen negli Uepe e nei cgm - Lo schema di dm Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 06 Giugno 2017 17:13

Pubblichiamo la bozza di D.M. istitutivo dei Nuclei di Polizia Penitenziaria presso gli Uffici di esecuzione penale esterna e presso i centri per la giustizia minorile, trasmessa aall'amministrazione alle oo ss in vista della riunione del 9 giugno.

 
107 - Pol pen negli Uepe – Convocate le oo ss per il 9 ed il 19 giugno Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 26 Maggio 2017 08:44

Le oo ss del comparo sicurezza e del comparo dirigenti penitenziari sono state convocate per i prossimi 9 e 19 giugno al fine di discutere della istituzione dei nuclei di Polizia Penitenziaria negli uepe. La riunione del 19 giugno sarà congiunta con le oo ss del comparto sicurezza. Pubblichiamo copia della convocazioni. Vi terremo informati.

 
106 - Il nuovo capo dipartimento incontra le oo ss - I risultati della riunione del 22 maggio 2017 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 25 Maggio 2017 09:07

 

L’incontro con le organizzazioni sindacali convocato dal Capo del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità svoltosi i ieri è servito allo stesso per presentarsi. La Dr.ssa Tuccillo si è detta consapevole delle problematiche che coinvolgono la nascita del nuovo dipartimento ed ha manifestato la volontà di consolidare per quanto possibile il suo processo di crescita. Come sindacati confederali abbiamo illustrato al Capo dipartimento i temi che dovranno essere affrontati con urgenza per ridare dignità e il giusto riconoscimento a tutti gli operatori che operano nel DGMC, a partire dal rifinanziamento del FUA, diventato per il settore insufficiente e irriguardoso.  Ancora irrisolta risulta la questione delle trattenute effettuate in caso di malattia sull’indennità penitenziaria, è stata prospettata la necessità di procedere, in analogia con  gli accordi sottoscritti dal Ministro  per il personale dell’organizzazione giudiziaria,  a nuove riqualificazioni per consentire agli operatori  di una stessa professionalità di collocarsi nella medesima area, è stato  chiesto di intervenire anche sull’ente di assistenza per uniformare il trattamento del personale del DGMC con quello del DAP, è stata riaffermata la necessità che la revisione delle piante organiche  sia discussa preventivamente a livello locale. Su quest’ultimo punto cgil cisl e uil hanno chiesto che, in analogia con quanto già disposto presso l’organizzazione giudiziaria, sia assicurata la permanenza nello stesso ufficio, fino al riassorbimento, al personale che, a seguito della ridefinizione delle piante organiche, dovessero risultare in posizione soprannumeraria.

Per quanto riguarda più specificamente l’esecuzione penale esterna è stata evidenziata la difficoltà del personale tutto, adulti e minori, ad operare in un sistema che presenta forti vuoti di organico in tutti i settori: amministrativo, contabile e tecnico.  I lavoratori di quest’ultimo settore in particolare si trovano a dover affrontare volumi di lavoro crescenti con risorse oggettivamente inadeguate. E’ stato chiesto all’amministrazione di accogliere la richiesta sindacale di scorrimento delle graduatorie di concorsi per assistenti sociali svoltisi presso altre pp aa (con particolare riferimento alla graduatoria nazionale del concorso per assistenti sociali  aperta presso l’INAIL) e di prevedere nella prossima legge di stabilità lo sblocco del turn over per il settore nonché l’indizione di concorsi idonei a ricoprire i fabbisogni reali, anche alla luce dell’incremento previsto delle misure alternative, sostitutive e delle richieste di messa alla prova. In attesa dell’avvio di procedure che richiedono tempi medi di attuazione è stato chiesto all’amministrazione di mettere in campo tutti gli strumenti utili alla protezione del personale di servizio sociale che non può essere lasciato solo di fronte alle nuove e continue richieste provenienti dalla magistratura e dagli avvocati. E’ compito dell’Amministrazione individuare le priorità e concentrare l’azione su quanto ritenuto indispensabile, comunicando all’A.G.  la reale condizione dei servizi sociali e l’impossibilità, allo stato, di adempiere a tutte le richieste.  Cgil cis e uil hanno poi posto il problema della collocazione dei funzionari della professionalità di servizio sociale, incaricati della reggenza degli uepe locali, sostenendone la confluenza nella figura del direttore, secondo le vigenti regole sulla flessibilità (art.20 CCNI),  e chiedendo che tutti i conferimenti definitivi della direzione degli UEPE locali siano operati sulla base di principi certi, trasparenti e condivisi e mediante la pubblicazione di un apposito interpello.

A margine della riunione il Direttore generale, Dr. Starita, ha comunicato che prossimamente verranno assunti 15 educatori tra gli idonei dell’ultimo concorso e 60 assistenti sociali dalle graduatorie del concorso INAIL. Per quanto riguarda gli interpelli per i dirigenti ha comunicato che le procedure sono in via di conclusione e che per quanto riguarda la dirigenza dei CGM si è in attesa del nulla osta del DOG e del DAP al transito nei ruoli della giustizia minorile e di comunità per poi procedere all’assegnazione delle sedi.

 
105 - Organizzazione UIEPE e UEPE – CGIL CISL e UIL chiedono di mantenere aperto il confronto Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 24 Maggio 2017 09:19

 

Con nota inviata in data odierna all’amministrazione centrale, cgil cisl e uil hanno chiesto di mantenere aperto il confronto sulla riorganizzazione di uiepe e uepe, rivendicando la necessità di essere coinvolte in particolare in merito alle determinazioni del gruppo di lavoro interdipartimentale cui è stato conferito il compito di “assicurare le linee guida in merito alla riorganizzazione degli UEPE e delle sezioni distaccate, dare corso a tutte le attività e procedure necessarie per l’attivazione degli uffici locali di nuova istituzione, individuare i criteri di selezione per la definizione dell’interpello per il conferimento degli incarichi di direzione degli ufficio locali e definire criteri omogenei ai quali dovranno uniformarsi gli UEPE nella selezione dei responsabili di area di uffici e dei responsabili di sezioni distaccate”. Vi terremo informati sugli sviluppi.

 
100 - Nuove piante organiche - Convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 19 Maggio 2017 19:24

Al fine di discutere delle nuove piante organiche delle strutture centrali e periferiche del dipartimento per la giustizia minorile e di comunità le organizzazioni sindacali sono state convocate per il giorno 23 giugno ore 10.00. Pubblichiamo copia della convocazione. Vi terremo informati.

 
98 - Mobilità - interpello straordinario FOR Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 15 Maggio 2017 20:26

Pubblichiamo l’intera documentazione inviata dall’amministrazione relativa all’interpello straordinario per n.6 funzionari dell’organizzazione e delle relazione in servizio nelle sedi di Roma da assegnare al DGMC – sede centrale

 
95 - Nuove piante organiche - Il sindacato Confederale dice NO Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 15 Maggio 2017 10:30

Dott.ssa Gemma Tuccillo
Capo Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità

 

Dott.ssa Lucia Castellano
Direttore Generale dell’esecuzione penale esterna e di messa alla prova

 

Dott. Vincenzo Starita
Direttore Generale del personale, delle risorse e per l'attuazione dei provvedimenti del giudice

 

 

A seguito della copiosa documentazione da voi inoltrata il 3 maggio u.s., finalizzata alla definizione e determinazione delle dotazioni organiche del personale delle strutture centrali e periferiche della Giustizia minorile e degli UEPE, queste OOSS non possono che esprimere forte disappunto riguardo la nuova proposta di revisione da voi formulata in quanto ancora una volta non sufficiente, a nostro parere, allo svolgimento dei compiti previsti dal mandato istituzionale di riferimento.

Ad una prima lettura, appare evidente che codesta amministrazione abbia provveduto a contrarre l’organico delle figure amministrativo/contabili determinando in tal modo negli uffici posizioni soprannumerarie nelle prime figure.  Tale scelta appare infelice anche con riferimento al principio di buona amministrazione. La stessa, invero, non tiene conto del fatto che la piena funzionalità di una struttura della giustizia minorile e di esecuzione penale esterna dipendono anche dalla presenza di una quota di personale amministrativo, contabile e tecnico idoneo a svolgere l’indispensabile attività strumentale e di supporto alle funzioni istituzionali.

Per quanto riguarda il focus del servizio sociale non si evidenziano, nonostante fossero stati richiesti nel corso dell’incontro del 26 gennaio u.s., i criteri utilizzati  per la formulazione della proposta, né tantomeno rileviamo  se si sia tenuto conto del numero di personale effettivo ante e post  riforma,  né  del carico di lavoro  fortemente incrementato anche a seguito degli interventi normativi in materia di esecuzione penale e neppure dei provvedimenti dipartimentali, d’ordine organizzativi, che prevedono unità di servizio sociale presso gli istituti penitenziari c.d. “antenne” ed in ultimo, non per importanza , non rileviamo altresì se si sia tenuto conto dei pensionamenti  che a breve termine (nei prossimi tre-quattro  anni)  ridurranno maggiormente le unità di organico rendendo ancora più drammatica la situazione operativa.

Sono questi elementi non di poca importanza dei quali riteniamo l’amministrazione avrebbe dovuto assolutamente tener conto nella formulazione della proposta che invece appare scevra di una approfondita analisi del contesto e quindi inappropriata ai reali bisogni istituzionali soprattutto in considerazione della sfida culturale in materia di esecuzione penale esterna promossa dalla compagine governativa con la riforma del 2015.
Ferme restando tali preliminari osservazioni che auspichiamo possano essere determinanti nella predisposizione  di una più idonea proposta da parte di codesta amministrazione,  CGIL CISL e UIL ritengono, inoltre,  che una proficua discussione su un argomento così delicato, che investe in maniera capillare tutto il territorio nazionale, in una amministrazione decentrata come il DGMC debba svolgersi innanzitutto a livello periferico, ferma restando la sintesi finale che può, anzi, deve svolgersi a livello nazionale presso l’amministrazione centrale.

Per tali motivi CGIL CISL e UIL chiedono che, sull’argomento de quo ed in tempi rapidi, in analogia con quanto già avvenuto di recente presso l’amministrazione penitenziaria, sia aperto un confronto con le organizzazioni sindacali territoriali presso ciascun Centro per la Giustizia Minorile e presso ciascun Ufficio Interdistrettuale dell’esecuzione penale esterna e che, all’esito del predetto confronto, si svolga una apposita riunione presso codesto dipartimento.

Confidando in positivo riscontro e con riserva di ulteriori iniziative, si porgono distinti saluti.

 

 
94 - Relazioni sindacali – rinviato al 22 maggio pv l’incontro con il nuovo capo dipartimento Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 11 Maggio 2017 10:25

L’incontro con nuovo capo dipartimento Gemma Tuccillo, già programmato per il 15 maggio 2017, è stato rinviato al prossimo 22 maggio. Pubblichiamo copia della nota di rinvio.

 
92 - Relazioni sindacali - Le oo ss incontrano il nuovo capo dipartimento Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 08 Maggio 2017 14:15

Le oo ss incontreranno il nuovo capo dipartimento Gemma Tuccillo.
Pubblichiamo copia della convocazione.

 
75 - Formazione dap e dgmc - Il sindacato confederale chiede un incontro Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 07 Aprile 2017 11:01

Con nota unitaria spedita in data odierna cgil cisl e uil hanno chiesto un incontro in merito alla riorganizzazione del settore della formazione presso l'amministrazione penitenziaria e presso quella della giustizia  minorile.

 
27 - Assistenti area pedagogica - La Cisl chiede la estensione delle procedure ex art.21 quater L. 132/2015 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 14 Febbraio 2017 14:30

Con nota inviata ai vertici del DGMC la cisl ha chiesto che gli assistenti di area pedagocica, in ossequio al principio secondo il quale la medesima attività non può insistere su due aree, siano inquadrati nella figura del funzionario di area pedagogica attraverso le procedure selettive interne già delineate dal menzionato art. 21 ed attraverso la creazione del cd. ruolo ad esaurimento. Pubblichiamo copia della menzionata nota. Vi terremo informati sugli sviluppi.

 
23 - Strutture ex icf- La convenzione dgmc dap Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 10 Febbraio 2017 03:22

Pubblichiamo la convenzione stipulata tra il dipartimento per la giustizia minorile e di comunità ed il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria in ordine alla gestione all'utilizzo delle strutture dell'ex istituto centrale di formazione di Roma, Castiglione delle Stiviere e Messina.

 
16 - nuove piante organiche - la proposta dell'amministrazione Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 30 Gennaio 2017 19:27

Pubblichiamo la proposta dell'amministrazione relativa alle nuove piante organiche e la nota della federazione nazionale. Trattasi di una prima proposta suscettibile di modificazioni e/o all'esito del confronto come le organizzazioni sindacali anche alla luce delle ulteriori informazioni che il dipartimento si è impegnato a trasmettere, relative a personale attualmente in servizio, carichi di lavoro e bacino di utenza di ciascuna struttura

La proposta dell'amministrazione

 
15 - Revisione profili professionali - I risultati della riunione del 26 gennaio u.s. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 30 Gennaio 2017 11:30

Si è svolto il 26 gennaio scorso il previsto incontro in tema di revisione dei profili professionali. Alla riunione ha partecipato per la delegazione di parte pubblica il direttore generale del personale Starita ed il direttore generale dell’esecuzione penale esterna Castellano. Dopo una breve introduzione del direttore generale del personale, il quale ha illustrato per sintesi la proposta dell’amministrazione, consegnata alle organizzazioni sindacali all’inizio di dicembre, l’incontro è entrato nel merito. La CISL, nel suo intervento, ha ritenuto condivisibile la proposta dell’amministrazione nella parte in cui propone: la istituzione anche per il DGMC della figura del funzionario della organizzazione e delle relazioni e la confluenza in essa della figura del funzionario amministrativo, con conseguente riscrittura dell’unica nuova declaratoria del profilo; la confluenza nella figura del direttore dei funzionari di servizio sociale incaricati della reggenza degli uffici locali di esecuzione penale esterna (con riferimento a tale fattispecie la Cisl ha chiesto di tenere in conto anche il personale cui l’incarico di reggenza, svolto per anni, è stato revocato in conseguenza della riforma organizzativa perché l’ufficio è stato qualificato come interdistrettuale); lo scorporo del profilo professionale di tecnico in tecnico per i servizi generali e tecnico per l’edilizia. La Cisl viceversa ha ritenuto non condivisibile la proposta della modifica dei punteggi relativi alle progressioni economiche perché tutta la materia delle progressioni economiche, punteggi compresi, sarà rinegoziata nell’ambito della trattativa sul FUA 2017. Inoltre la Cisl ha chiesto l’estensione agli assistenti di area pedagocica delle procedure ex art.21 quater della legge 132/2015 (corso concorso) al fine di realizzare l’accorpamento di questo profilo professionale nella figura del funzionario della professionalità pedagocica. Partendo dal conferimento dell’incarico di reggenza dell’UEPE di Frosinone, i cui criteri non si evincono completamente dal provvedimento, la Cisl ha chiesto che tutti i conferimenti definitivi della direzione degli UEPE locali siano operati sulla base di principi certi, trasparenti e condivisi e mediante la pubblicazione di un apposito interpello. Inoltre la Cisl ha chiesto notizie: sulle prossime assunzioni anche in base alla disciplina del turn over; sullo scorrimento di graduatorie di concorsi pubblici espletati presso altre pp aa (in particolare la Cisl ha segnalato l’esistenza presso l’inail di una graduatoria nazionale aperta di assistenti sociali); la modifica dell’art 11 dell’ultima bozza del decreto di riorganizzazione degli UEPE al fine di riconoscere ai contabili cassiere o fiduciari di percepire la indennità di maneggio valori; ulteriore progressioni economiche, il più possibile generalizzate, per tutto il personale del DGMC. Nella sua replica il direttore generale del personale ha sostenuto, aderendo alla precisa richiesta della Cisl che, a breve, sarà convocato un incontro per definire i criteri di conferimenti degli incarichi di direzione degli UEPE, definizione che sarà propedeutica alla emanazione di un apposito interpello sulla materia. In merito alla politica degli organici ha sostenuto che: si attende l’autorizzazione da parte della funzione pubblica per operare lo scorrimento della graduatoria del concorso per educatore, già espletato presso il dgmc, unica graduatoria attualmente in vigore; non è prevista al momento la possibilità per il dgmc di attingere personale da graduatorie aperte di concorso espletati presso altre pp aa; il dgmc ha assunto personale di area seconda in mobilità obbligatoria da altre pp aa (enti di area vasta e corpo forestale dello Stato). In chiusura il direttore generale, nell’apprezzare i contributi offerti dalla Cisl e dalle altre organizzazioni sindacali, ha invitato queste ultime a sostenere le iniziative dell’amministrazione volte a reclutare nuovo personale per le strutture minorili e dell’esecuzione penale esterna.

 
4 - Revisione profili professionali e nuove piante organiche: rinviato al 26 gennaio l'incontro Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 23 Gennaio 2017 16:46

L'incontro già fissato per il 25 gennaio su revisione profili professionali e piante organiche è stato rinviato al 26 gennaio. 
Ripubbichiamo la documentazione trasmessa.

 
3 - Revisione profili professionali e nuove piante organiche: convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 19 Gennaio 2017 23:28

Le organizzazioni sindacali sono state convocate per il prossimo 25 gennaio, ore 10.00, per disctutere della revisione dei profili professionale e delle nuove piante organche del personale del DGMC.

 
190 - Istituzione nuclei Pol. Pen. e organizzazione uepe - I risultati della riunione del 23 novembre Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 30 Novembre 2016 10:44

Il giorno 23 novembre u.s. presso il DGMC alla presenza del Capo dipartimento Dott. Cascini e del Direttore generale dell’esecuzione penale esterna Dott.ssa Castellano, si è svolto l’incontro con le OO SS per confrontarsi, come da noi richiesto, sui DM riguardanti l’istituzione dei nuclei di Polizia penitenziaria presso gli UEPE e la organizzazione degli uffici distrettuali ed interdistrettuali di esecuzione penale esterna.

Il primo argomento oggetto del confronto è stato il DM riguardante l’istituzione dei nuclei di polizia penitenziaria presso gli UEPE. Nel merito abbiamo espresso forte perplessità con riferimento alla evidente non chiarezza dei compiti che questo personale dovrebbe svolgere nell’ambito dell’esecuzione penale esterna. Abbiamo rappresentato infatti che l’art. 2 del decreto in questione, che disciplina la materia dei compiti, ha un contenuto estremamente generico e, quindi, ambiguo. Abbiamo ribadito a tal proposito, così come già rappresentato in altre sedi, che tale approssimazione rischia di cagionare negli uffici forti criticità non solo da un punto di vista operativo-professionale ma anche dal punto di vista dei rapporti funzionali, di ruolo e gerarchici che rischiano di sovrapporsi e/o sostituirsi.

Abbiamo ribadito che il ruolo e la funzione della professionalità di servizio sociale sono istituzionalmente preminenti nel settore dell’esecuzione penale esterna pur nell’ottica, da noi condivisa, di interventi multidisciplinari e di interazione multiprofessionale. Assodati tali presupposti, abbiamo ribadito che va ben delineata e precisata anche l’attività del “controllo” demandata dall’articolato al personale della polizia penitenziaria in servizio presso gli UEPE. E’ evidente, pertanto, che qualora l’amministrazione non intenda apportare al decreto in questione le modifiche richieste con soluzioni suffragate anche dalla norma, la ricaduta di questa scelta potrebbe risultare dannosa per l’organizzazione e la funzionalità degli UEPE.
Sono state inoltre evidenziate forti perplessità in ordine all’articolo 7 del decreto che prevede la costituzione di nuclei presso i centri per la giustizia minorile, nuclei che, secondo quanto disposto dal comma 2, dovrebbero operare negli uffici di servizio sociale per minorenni. Considerato che allo stato presso gli USSM non opera personale di polizia penitenziaria appare evidente che l’eventuale dotazione organica andrebbe sottratta a quella degli istituti penali per minorenni, che già per la mancanza di agenti non sono in grado di garantire ai detenuti le attività trattamentali per l’intera giornata. Peraltro anche in questo caso non è stato precisato il ruolo della polizia penitenziaria all’interno degli USSM che se non ben definito potrebbe confliggere con l’impianto normativo penale previsto per i minorenni.

Riguardo al decreto di riorganizzazione degli uffici interdistrettuali e distrettuali, dopo aver posto alcune considerazioni di carattere generale, nello specifico abbiamo posto all’attenzione della parte pubblica, la problematica relativa a: istituzione di sezioni distaccate presso tutti i tribunali circondariali, anche presso quelli che sono presenti in città non capoluogo di provincia; individuazione dei criteri per la nomina dei responsabili degli uffici locali (art.13); transito negli UEPE anche del personale dei PRAP assegnati o distaccati presso l’ufficio di esecuzione penale esterna

(con riferimento a tale questione abbiamo rivendicato per tale personale la possibilità di scegliere di transitare negli UEPE ovvero di rimane in forza all’amministrazione penitenziaria secondo quanto convenuto nell’accordo del 2 febbraio 2016 e nell’intesa aggiuntiva del 17 febbraio 2016); transito negli UEPE di tutti coloro che sono risultati vincitori della procedura di interpello straordinario; mantenimento della posizione di distacco, fino alla stabilizzazione, per il personale transitato al DGMC ma tuttora assegnato alle strutture penitenziarie; definizione della posizione giuridica ed economica dei direttori reggenti UEPE.

Inoltre abbiamo rappresentato perplessità riguardo l’impostazione del decreto che rende l’organizzazione nel suo insieme  fortemente complessa e rigida.
Abbiamo infine osservato che nessun passo è stato fatto per risolvere quelle criticità che pur avevamo più volte denunciato a partire dalla gravissima endemica carenza di organico e di risorse.

Il Capo Dipartimento, preso atto della posizione del sindacato confederale, dopo aver precisato che nella legge di stabilità 2017, nell’ambito della “missione giustizia”, saranno stanziati fondi per il settore, ha ribadito la filosofia della riforma e del cambiamento epocale della logica della esecuzione.

Il sindacato confederale si è riservato di far pervenire ulteriori e più dettagliate osservazioni scritte sull’argomento al fine di contribuire ad una migliore organizzazione degli uffici ed ad una corretta disciplina dei rapporti tra personale della polizia penitenziaria e del comparto ministeri negli UEPE e nelle strutture minorili.

 
176 - Organizzazione Uepe – rinviata la riunione al 23 novembre Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 11 Novembre 2016 19:22
La riunione già convocata per il prossimo 14 novembre al fine di discutere di: "bozza Decreto Ministeriale organizzazione Uffici lnterdistrettuali, distrettuali e locali E.P.E." è stata rinviata al prossimo 23 novembre, ore 10.30. Pubblichiamo la nota di rinvio e la documentazione allegata.



 
164 - Dirigenti – sottoscritti accordi retribuzione di posizione e di risultato anni 2011-2015. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 28 Ottobre 2016 17:50
Il 25 ottobre scorso sono stati firmati gli accordi relativi ai criteri di pagamento della retribuzione di posizione e di risultato in favore dei dirigenti di seconda fascia della Giustizia Minorile relativa agli anni 2011/2012/2013/2014/2015. Pubblichiamo copia degli accordi sottoscritti.
 
160 - Organizzazione Uepe - convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 25 Ottobre 2016 12:49

Le oo ss sono state convocate per il prossimo 14 novembre al fine di discutere di: "bozza Decreto Ministeriale organizzazione Uffici lnterdistrettuali, disttettuali e locali E.P.E." vi terremo informati.

 
154 - dirigenti - retribuzione di posizione e risultato anni 2011/2015: convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 20 Ottobre 2016 20:50

Le oo ss sono state convocate per la sottoscrizione degli accordi integrativi sul fondo di posizione e risultato relativo agli anni 2011 - 2012 - 2013 - 2014 e 2015.

 
152 - riforma esecuzione penale - istituzione nuclei polizia penitenziaria presso UEPE: il sindacato confederale chiede un incontro Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 20 Ottobre 2016 08:46

Al fine di valutare l’impatto sulla organizzazione del lavoro negli uepe della istituzione al loro interno dei nuclei di polizia penitenziaria, cgil cisl e uil hanno chiesto la convocazione di un incontro al capo dipartimento della DGMC ed al direttore generale dell'esecuzione penale esterna.

 
133 - Mobilità – pubblicato il PDG su transito personale DAP verso il DGMC Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Domenica 18 Settembre 2016 10:48
Nel sito intranet del Ministero della Giustizia è stato pubblicato il PDG 22 luglio 2016 sul transito del personale del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria al Dipartimento per la giustizia minorile e dì comunità. Pubblichiamo la nota dell’amministrazione.
 
118 - Dirigenti - retribuzione di posizione e di risultato anni 2011/2014: cgil cisl e uil sollecitano la sottoscrizione definitiva dell'accordo Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 03 Agosto 2016 09:22

Con nota inviata in data 1 agosto 2016 al capo dipartimento Cascini, CGIL CISL e UIL, dopo cinque mesi dalla sottoscrizione della ipotesi di accordo concernente i criteri di pagamento della retribuzione di posizione di risultato dei dirigenti di seconda fascia relativa agli anni 2011/2014, hanno sollecitato la sottoscrizione dell'accordo definitivo. Terremo informati degli sviluppi i lavoratori interessati.

 
51 - Dirigenti - Ipotesi di accordo retribuzione di risultato (2011-2015) Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 08 Aprile 2016 08:30

Pubblichiamo la ipoetsi di accordo relativa ai criteri di pagamento della retribuzione di posizione e di risultato (anni 2011-2015) dei dirigenti di area I - seconda fascia in servizo presso il DGMC.

 
46 - Dirigenti - Sottoscritta ipotesi di accordo retribuzione di risultato anni 2011/2015 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 31 Marzo 2016 22:00
Premio di produttività dei dirigenti DGMC - Rotazione incarichi - Malattia
Il 29 c.m. si è svolto il previsto incontro con il Capo del Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità, dott.
F. Cascini, in merito al fondo di posizione e di risultato dei Dirigenti Area1 relativi agli anni dal 2011 al 2015, peraltro più volte sollecitato visto il lungo tempo trascorso dall'ultimo premio liquidato.
Dopo una breve presentazione del testo, che dovrà successivamente essere recepito dal Ministro, tutto il tavolo ha espresso il proprio assenso alla proposta di accordo.
Successivamente, il dott. Cascini ha annunciato che a breve si terrà l'interpello per assegnare le funzioni dirigenziali dell'intero Dipartimento.
In proposito CGIL,CISL e UIL hanno evidenziato la loro preoccupazione per gli effetti della possibile applicazione del principio di rotazione, in questa fase di costruzione del nuovo soggetto dipartimentale, soprattutto tenuto conto che, stante l'attuale organizzazione, non potendo essere assegnati alla direzione degli UUEEPPEE, l'unica rotazione degli incarichi possibile prevederebbe una mobilità sull'intero territorio nazionale, che, oltre ad essere lesiva delle posizioni soggettive, andrebbe in conflitto anche con i limiti posti in tale senso dalla L.114/14.
Il dott. Cascini, ha replicato convenendo come la fase di costruzione che attraversa il Dipartimento favorisca la riconferma degli incarichi, anche se questa esigenza vada contemperata con le indicazioni in merito alla rotazione che, anche in assenza dei Decreti Madia, sono comunque stringenti, soprattutto dopo un congruo numero di anni nello stesso incarico. Ha affermato, quindi, che, se risultasse necessario, si stanno comunque approntando possibili indicazioni,  tra le quali  favorire, nel prossimo interpello,  la scelta di almeno tre sedi, riaffermando la volontà dell'Amministrazione di risolvere la problematica della doppia dirigenza, ripresentando l'emendamento già presentato nella Legge di stabilità ed espunto dalla Commissione Bilancio perché di natura ordinamentale.
Il Capo Dipartimento ha chiarito che la possibile rotazione non riguarderà il personale della Dirigenza Penitenziaria assegnato agli UUEEPPEE poiché questi Uffici, al momento, sono privi oppure hanno una limitata attività gestionale, precisando che sia le posizioni della Dirigenza A1 che quelle della Penitenziaria, stante il limitato numero dei dirigenti appartenenti alle due categorie, presenteranno alcune posizioni vacanti all'esito delle assegnazioni.
Infine, CGIL, CISL e UIL, dopo aver espresso apprezzamento per come è stata realizzata la circolare sulle decurtazioni per assenze per malattia, hanno avuto assicurazioni dal Dr. Cascini circa il continuo interessamento su tale delicata materia da parte del Gabinetto del Ministro, ove sono allo studio possibili soluzioni all' importante questione.
 
42 - Dirigenti - Mobilità e rotazione degli incarichi: la Cisl chiede un incontro al capo dipartimento Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 21 Marzo 2016 14:59

Con nota inviata in data odierna la Cisl ha chiesto di discutere nella riunione già convocata per il prossimo 30 marzo anche della problematica afferente il principio della rotazione negli incarichi dei dirigenti introdotto dalla riforma Madia. Vi terremo informati.

 
41 - Dirigenti - Retribuzione di posizione e di risultato per gli anni 2011-2012-2013-2014 e 2015: convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 21 Marzo 2016 14:56

Le organizzazioni sindacali cono state convocate per il prossimo 30 marzo c.a. per discutere i criteri di pagamento della retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti di seconda fascia per gli anni 2011-2012-2013-2014 e 2015.
Vi terremo informati.

 
18 - Criteri per l'attribuzione delle fasce retributive agli Uffici dirigenziali del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità: l'esito dell'incontro del 10.2.2016 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 11 Febbraio 2016 17:59

In data 10 febbraio 2016 si è svolto il previsto incontro con il Capo Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità, dott. Francesco Cascini, per l’attribuzione delle fasce retributive agli Uffici Dirigenziali del DGMC. CGIL, CISL e UIL nel prendere atto dei criteri evidenziati nell’informativa hanno tuttavia chiesto una maggiore esplicitazione sul percorso attuato per giungere alla attribuzione delle fasce ai singoli Uffici. In particolare hanno rilevato come appaia incongruente la collocazione dell’Ufficio I della D.G. del personale, risorse e attuazione dei provvedimenti del giudice minorile, poiché si occupa della gestione dei servizi minorili sul territorio nazionale.
Il Capo Dipartimento ha chiarito che, in considerazione dell’importante peculiarità che caratterizza il fondo dei dirigenti del DGMC, il cui stanziamento è fermo agli importi del 2010 con ulteriore decurtazione relative ai pensionamenti e alla legge di stabilità, si è stabilito di collocare in 3^ fascia gli Uffici presso i quali sono attualmente collocati i 3 magistrati addetti al Dipartimento, per fare in modo che la retribuzione complessiva dei dirigenti contrattualizzati, al netto dei tagli richiamati, rimanga inalterato.
CGIL, CISL e UIL hanno chiesto di conoscere, anche orientativamente, i valori economici corrispondenti alle tre fasce. La delegazione di parte pubblica ha evidenziato che le tre fasce sono comprensive della parte fissa e variabile, specificando che l’attribuzione alle tre fasce corrisponde ai tre parametri contrattuali con aumenti sensibili decrescenti dalla 1^ alla 3^ fascia.
Inoltre CGIL, CISL e UIL hanno rimarcato l’anomalia rappresentata dalla Giustizia minorile, unico Dipartimento ove non vi è corresponsione dei premi di risultato ai dirigenti a partire dall’anno 2011, paventando possibili rischi di prescrizione. Il Capo Dipartimento ha rassicurato circa la problematica della prescrizione, affermando che il Dipartimento si farà certamente parte attiva nei confronti del Ministro e del Gabinetto affinchè venga rapidamente risolta tale questione.
CGIL, CISL e UIL sul punto hanno chiesto al Capo Dipartimento di attivarsi anche per rimpinguare adeguatamente il fondo di produttività del DGMC, i cui dirigenti percepiscono la retribuzione più bassa di tutto il Ministero della Giustizia, a fronte delle innumerevoli competenze gestionali e del gravoso carico di responsabilità loro affidato. Il Capo Dipartimento ha assicurato un forte impegno per colmare questa sperequazione.
A margine della riunione il Capo Dipartimento, ha risposto alle sollecitazioni in merito a diversi argomenti; in particolare ha chiarito che a breve il DAP riconvocherà le OO.SS. per ridefinire il punto 3 dell’accordo di mobilità tra DAP e DGMC e OO.SS., sul quale comunque ha manifestato ampia disponibilità; in merito alla sospensione dei Servizi (CPA-Comunità) si stanno cominciando a definire le procedure per collocare il personale, così come definito nell’accordo, in modo da favorire quanto più possibile la permanenza del personale nel territorio di appartenenza, valutandone la collocazione, oltre che presso i Servizi già individuati, anche presso strutture DAP.

 
15 - Criteri per l'attribuzione delle fasce retributive agli Uffici dirigenziali del Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità: convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 09 Febbraio 2016 17:19

Con riferimento al decreto del Ministro della Giustizia, vistato dalla Corte dei Conti in data 15 gennaio 2016, recante disposizioni concernenti l'individuazione presso il Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità degli Uffici di livello dirigenziale non generale, le organizzazioni sindacali sono convocate per il giorno 10 febbraio 2016 alle ore 11.00.

Pubblichiamo copia della convocazione e della prescritta informazione preventiva.

Vi terremo informati

 
10 - Razionalizzazione servizi minorili - I risultati dell'incontro del 21 gennaio 2016 Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 22 Gennaio 2016 16:21

Si è svolto in data 21 gennaio 2016 il previsto incontro  con  il  Capo Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità, dott. Francesco Cascini, riguardante il piano di razionalizzazione dei C.P.A. e delle Comunità che prevede la sospensione di numerosi servizi o la loro trasformazione in strutture “a chiamata”. CGIL, CISL e UIL nel richiedere i criteri posti alla base delle scelte operate in linea di principio hanno evidenziato come la chiusura di un servizio rappresenti un evidente arretramento dello Stato nei confronti dei cittadini.

Inoltre, hanno rappresentato come, proprio nella Giustizia Minorile, si sia sviluppato nel tempo un sistema di funzioni di supporto operate da questi Servizi in favore dell’esecuzione penale esterna che potrebbe essere impiegato per   evitarne la chiusura o la trasformazione. Inoltre, hanno richiesto maggiori garanzie rispetto alle sorti del personale impiegato in queste strutture. Il Capo del Dipartimento ha assicurato che i criteri adottati non sono solamente quelli meramente connessi alla spesa, ma rispondono al dato statistico relativo ai flussi di utenza e alle valutazioni della Magistratura minorile. Per quel che concerne gli operatori, così come previsto nella informazione preventiva, ha assicurato la possibilità al personale dei servizi sospesi e a chiamata di poter essere assegnati presso Comunità, USSM, IPM, UEPE e Tribunali per i minorenni, come ultima istanza.
Infine, il Capo Dipartimento ha altresì espresso l’intenzione di verificare la possibilità che taluni dei servizi da sospendere possano essere impiegati da supporto per l’area penale esterna, così come già accade in altre parte di Italia.

 
4 - Razionalizzazione servizi minorili – Rinviata la riunione al 21 gennaio pv Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 15 Gennaio 2016 01:09

Con nota inviata in data odierna l’amministrazione ha comunicato il rinvio della riunione, già convocata per il 18 gennaio pv, al successivo 21 gennaio, ore 15.00. Pubblichiamo la nota dell’amministrazione che include il progetto di razionalizzazione dei servizi minorili ed alcune indicazioni sul personale in servizio presso le strutture minorili interessate.

 
1 - Razionalizzazione servizi minorili - Convocate le oo ss Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 07 Gennaio 2016 10:26

Le oo ss sono state convocate per il prossimo 18 gennaio ore 15.00 per discutere della razionalizzazione dei servizi minorili. Vi terremo informati.

 
114 - Riorganizzazione DAP e Giustizia Minorile - I risultati dell'incontro di oggi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 05 Novembre 2015 15:11

Si è svolto in data odierna il programmato incontro in merito al passaggio dell’esecuzione penale esterna “adulti” nell’ambito del costituendo Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità ed in particolare in merito ai contenuti dello schema di Decreto Ministeriale relativo alla individuazione presso il Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità degli uffici di livello dirigenziale non generale, alla definizione dei relativi compiti, ed alla definizione delle articolazioni dirigenziali territoriali. Alla riunione, allargata alle rappresentanze sindacali del comparto sicurezza e della dirigenza, hanno preso parte per l’amministrazione il vice capo di gabinetto Tuccilo ed il capo dipartimento per la giustizia minorile e di comunità Cascini.

Preliminarmente la CISL ha ribadito la propria posizione in merito a questa parte della riforma organizzativa del ministero della giustizia: l’esecuzione penale esterna da decenni è stata abbandonata a se stessa e a nulla gioverebbe il suo transito in un altro dipartimento se il Ministero non investe nel settore fornendo quelle ingenti risorse, umane, materiali e finanziare che le recenti riforme in particolare sul “fine pena” impongono.

In merito poi ai contenuti dello predetto schema di Decreto Ministeriale la CISL, pur riconoscendo   che lo stesso è sostanzialmente conforme alla ratio del DPCM di riorganizzazione, ha espresso le seguenti osservazioni/raccomandazioni:
- necessità di chiarire se le sedi di servizio presenti sul territorio permangono ovvero subiscono chiusure/accorpamenti;
- necessità che sia prevista negli uffici interdistrettuali la figura del vicario del direttore il quale svolga le mansioni di quest’ultimo in sua assenza e se tale figura può essere rivestita dal direttore del/degli uffici distrettuali;
- opportunità che nei predetti uffici siano ampliate le aree contabili ed amministrative, in ragione dei compiti di indirizzo, coordinamento e verifica espressamente riconosciuti da D.M. de quo; 
- necessità che sia riconosciuto il ruolo dei direttori reggenti degli uffici locali e degli stessi uffici locali i quali, svolgendo una parte consistente del lavoro “sul territorio”, assumono una rilevanza strategica ben maggiore di quella che avevano nel passato.

La CISL inoltre ha espresso il proprio disappunto per la chiusura del Centro per la Giustizia Minorile de L’Aquila. Ha giudicato tale decisione incomprensibile perché comporta un risparmio irrilevante per le casse dello Stato ma un danno considerevole per le regioni di riferimento del Centro (peraltro disagiate da un punto di vista orografico e sismico) e per la stessa città de L’Aquila (sede di Tribunale e Procura della Repubblica per i minorenni) le quali subiscono il depotenziamento dei servizi minorili.

All’esito della riunione ha preso la parola la delegazione di parte pubblica. In particolare il capo dipartimento Cascini, tra l’altro, ha affermato che lo schema di decreto si è limitato a prendere atto della situazione esistente, specie con riferimento alla organizzazione sul territorio, ed a regolamentarla. A suo avviso in futuro occorrerà mettere mano ad alcune questioni che in prima battuta non era possibile affrontare e risolvere. Tra queste la problematica della doppia dirigenza, che dovrà diventare unica, quella del coordinamento regionale, che dovrà diventare unico, quella delle sedi di servizio, rispetto alle quali il DM opera solo un rinvio alla disciplina di decreti successivi, quella della riduzione degli uffici dirigenziali in seno alle direzioni generali del dipartimento. Il capo dipartimento su esplicita richiesta in ordine alla mobilità del personale tra i due dipartimenti, si è dichiarato favorevole a rispettare in linea di principio la volontà dei lavoratori di permanere presso il dipartimento di appartenenza ovvero di transitare nell’altro dipartimento.

 
103 - Riorganizzazione DAP e Giustizia Minorile - I risultato dell'incontro del 7 ottobre - Comunicato unitario CGIL CISL e UIL Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 09 Ottobre 2015 12:00

C O M U N I C A T O

Lo scorso 7 ottobre le OO.SS. rappresentanti il personale del comparto ministeri e della dirigenza hanno incontrato il nuovo capo del Dipartimento della Giustizia Minorile e di comunità Cons. Cascini che, insediatosi da poco tempo a capo del nuovo dipartimento, istituito dal DPCM riguardante il nuovo regolamento di riorganizzazione del Ministero della Giustizia , ha inteso avviare con le OOSS un confronto sull’architettura organizzativa del nuovo dipartimento al fine non solo di partecipare gli intenti dell’amministrazione ma soprattutto di rilevare proposte e smussare quei punti di criticità che si rilevano nella definizione del nuovo impianto organizzativo e condividerne le necessarie soluzioni.
In considerazione del fatto che si sta lavorando alla definizione dei decreti attuativi che disegneranno l’assetto organizzativo territoriale del sistema della giustizia minorile e dell’esecuzione penale esterna, questo primo incontro ha avuto carattere particolarmente interlocutorio e di conoscenza tra le parti.
Abbiamo pertanto rappresentato alcune criticità non solo di carattere organizzativo ma anche operativo che stanno suscitando nel contesto e tra il personale forti preoccupazioni ed interrogativi che, abbiamo sottolineato, richiedono risposte certe ed urgenti.
Ci riferiamo:
- alla organizzazione periferica e territoriale del sistema della giustizia minorile e di comunità la cui architettura è tutta da costruire tenendo conto delle peculiarità normative e contrattuali (dirigenza) di ciascuno dei due sistemi (Minori ed esecuzione penale esterna adulti) e rispetto al quale il DM di riferimento non fa alcun cenno;
- alla gravissima carenza di risorse finanziarie e di organico che caratterizza i due sistemi;
- ai criteri riguardanti la mobilità del personale;
- alla previsione oramai acclarata, visto il disegno di legge delega passato alla camera, della presenza del personale di Polizia penitenziaria nella esecuzione penale esterna.
Il Cons. Cascini ha ascoltato con attenzione quanto da noi esposto e, pur riservandosi di approfondire le varie questioni attraverso altri incontri, ha provato a costruire insieme un percorso condiviso, sottolineando che le specificità in particolar modo della Giustizia Minorile verranno rispettate e che al momento, rilevando difficoltà di tipo normativo, i CGM e gli UEPE continueranno a mantenere la propria specificità. La formazione viceversa sarà unica per una cultura comune dell’esecuzione penale.
Riguardo l’assetto territoriale, quindi, ha ipotizzato per gli UEPE una Direzione Generale dell’Esecuzione Penale Esterna e n. 29 sedi dirigenziali sul territorio che coordineranno gli altri UEPE non dirigenziali; assetto organizzativo, questo, suscettibile di modifiche e in tal senso ha chiesto suggerimenti e proposte da prendere in esame. Il Cons. Cascini inoltre ha affermato che, in una logica di casa comune, è intendimento in una prospettiva futura fondare l’esecuzione penale esterna anche sulla polizia penitenziaria.
Relativamente agli organici, transiterà al DGM e di Comunità il personale in servizio effettivo presso gli UEPE, PRAP/DAP (Area o Direz. Gen. EPE), mentre per il personale distaccato (in entrata ed in uscita) probabilmente si acquisirà dagli interessati la disponibilità.
Abbiamo chiesto, pertanto, che siano tenuti in debita considerazione i lavoratori degli UEPE, distaccati presso altre strutture penitenziarie, con mansioni diverse, i quali vogliono rimanere nell’amministrazione penitenziaria, anche eventualmente cambiando figura professionale.
L’incontro si è concluso fissando al 5 novembre p.v. un nuovo appuntamento, ovvero prima della definizione della bozza di proposta del decreto che sarà inviato quale informativa alle OO.SS. e la cui approvazione definitiva è prevista entro il 15 dicembre p.v.
Roma , 9 ottobre 2015

 

FP CGIL
Lina Lamonica
Gianfranco Macigno

CISL FP
Eugenio Marra

UIL PA
Domenico Amoroso

 

 
87 - Retribuzione di risultato (Anni 2011/2012/2013) Dirigenti seconda fascia - CGIL CISL UIL chiedono l'apertura del tavolo negoziale al nuovo Capo Dipartimento Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 15 Settembre 2015 15:46

Pubblichiamo la nota con cui CGIL CISL e UIL hanno chiesto al nuovo capo dipartimento Cascini l'apertura del tavolo negoziale per la definizione dei criteri di pagamento della retribuzione di risultato per gli anni 2011/2012/2013 in favore dei dirigenti di seconda fascia della giustizia minorile. Vi terremo informati.

 
77 - Retribuzione di risultato (Anni 2011/2012/2013) Dirigenti seconda fascia - ennesimo intervento CGIL CISL UIL Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 29 Luglio 2015 09:25

Pubblichiamo la nota con cui CGIL CISL e UIL per l'ennesima volta hanno chiesto l'apertura del tavolo negoziale per la definizione dei criteri di pagamento della retribuzione di risultato per gli anni 2011/2012/2013 in favore dei dirigenti di seconda fascia della giustizia minorile. Vi terremo informati.

 
32 - Dirigenti - Fondo per la retribuzione di posizione e di risultato anni 2011/2012/2013: cgil cisl e uil chiedono nuovamente l'apertura delle trattative Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 28 Aprile 2015 10:57

Con nota inviata il 21 aprile scorso CGIL CISL e UIL hanno chiesto nuovamente l'apertura delle trattattive sul fondo per la retribuzione di posizione e di risultato per gli anni 2011/2012/2013.

 
5 - Dirigenti - Fondo per la retribuzione di posizione e di risultato anni 2011/2012/2013: cgil cisl e uil chiedono l'apertura delle trattative Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 26 Gennaio 2015 23:10

Con nota inviata il 22 gennaio scorso CGIL CISL e UIL hanno chiesto l'apertura delle trattattive sul fondo per la retribuzione di posizione e di risultato per gli anni 2011/2012/2013.

 
126 - RSU 2015 - Mappatura Giustizia Minorile Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 21 Novembre 2014 16:48

RSU 2015 - Mappatura Archivi Notarili Pubblichiamo l'accordo sottoscritto in data 20 novembre 2014 relativo alla individuazione delle sedi rsu del Dipartimento per la Giustizia Minorile

 
115 - Dirigenti e funzionari della professionalità pedagogica – Nuove assunzioni Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 13 Novembre 2014 00:00

Pubblichiamo le note con cui l’amministrazione della giustizia minorile ha comunicato l’avvenuta assunzione di due dirigenti e di otto funzionari della professionalità pedagogica.

 
80 - Competenza del settore minorile sino al compimento del 25 anno - Le perplessità del sindacato confederale Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Sabato 05 Luglio 2014 02:14

Pubblichiamo la nota con cui il sindacato confederale ha espresso forti perplessità in merito alla norma del DL 92/2914 che ha esteso la competenza del settore minorile sino al compimento del 25 anno, chiedendo un incontro all'amministrazione.

 
157 - Ridefinizione assetto funzionale e dei servizi CPA - Il decreto del Capo Dipartimento Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 30 Ottobre 2013 15:31

Pubblichiamo il decreto del capo dipartimento relativo alla ridefinzione dell'assetto funzionale e dei servizi dei centri di prima accoglienza.

 
151 - CPA - Schema ridefinizione assetto funzionale Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 18 Ottobre 2013 13:27

Pubblichiamo lo schema di provvedimento relativo alla ridefinizione dell'assetto funzionale dei Cpa

 
99 - Progressioni nelle aree - Pubblicate le graduatorie Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 05 Luglio 2013 16:12

Pubblichiamo la nota dell'amministrazione che preannuncia la pubblicazione sul sito istituzionale (sezione intranet) delle graduatorie relative alle ultime progressioni nelle aree.

 
91 - Riorganizzazione servizi minorili - Nota del sindacato confederale Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 26 Giugno 2013 13:15

Pubblichiamo la nota con cui CGIL CISL e UIL hanno sollecitato il Capo Dipartimento a convocare un incontro sulla materia della riorganizzazione dei servizi minorili.

La nota inviata

 
87 - Dirigenti - Retribuzione di risultato anni 2009-2010: firmata l'Ipotesi di Accordo Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 21 Giugno 2013 13:49

Pubblichiamo il comunicato e l'ipotesi di accordo sottoscritta su: retribuzione di risultato anni 2009-2010

Comunicato

Ipotesi di accordo

 
60 - Riorganizzazione servizi minorili - Circolare del Capo Dipartimento Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 22 Aprile 2013 22:00

Pubblichiamo la circolare del capo dipartimento in tema di riorganizzazione dei servizi minorili con riserva di formulare compiute osservazioni al l'esito di una sua attenta lettura.

 
39 - Dirigenti - indennità di risultato: intervento della CISL Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 13 Marzo 2013 20:19

Pubblichiamo la nota con cui la CISL ha denunciato la crisi del settore della dirigenza nella giustizia minorile ed ha chiesto l'immediato pagamento dell'indennità di risultato, anni 2009/2012.

 
18 - Progressioni nelle aree - il 15 febbraio p.v. La pubblicazione delle graduatorie Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 13 Febbraio 2013 20:15

Pubblichiamo la nota dell'amministrazione relativa alla pubblicazione sul sito internet del ministero il 15 febbraio p.v. delle graduatorie relative alle ultime progressioni nelle aree.

 
10 - IPM Lecce - Intervento della CISL Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 30 Gennaio 2013 10:04

Pubblichiamo la nota con la quale la CISL ha chiesto la immediata riapertura dell'IPM di Lecce

 
7 - Anzianita di servizio personale ex LTD - Nuovo intervento della CISL Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 17 Gennaio 2013 00:10

Pubblichiamo la nota trasmessa all'amministrazione in tema di riconoscimento anzianità di servizio

 
146 - Progressioni nelle aree - Pubblicati i bandi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 31 Ottobre 2012 18:28

Pubblichiamo la nota dell'amministrazione relativa all'avvenuta pubblicazione nel sito del Ministero della Giustizia - sezione INTRANET dei bandi relativi alle progressioni nelle aree (FUA 2010)

 
144 - Progressioni nelle aree (FUA 2010) - Prossima la pubblicazione dei bandi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 30 Ottobre 2012 11:08

Pubblichiamo la nota dell’amministrazione sulla imminente pubblicazione dei bandi relativi alle progressioni all’interno delle aree (FUA 2010).

 
126 - Progressioni nelle aree – distribuzione dei passaggi tra i profili professionali: sottoscritto accordo Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 27 Settembre 2012 15:02

In data odierna è stato sottoscritto, in sede di concertazione, l’accordo relativo alla distribuzione tra i profili professionali delle progressioni concordate nell’ambito dell’accordo sul FUA 2010 ed aventi decorrenza 1.12.2010.
E’ prossima la pubblicazione dei bandi.

 
120 - Progressioni nelle aree (anno 2010) Giustizia Minorile – convocate le oo. ss. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Sabato 22 Settembre 2012 08:45

Pubblichiamo la nota con cui le organizzazioni sindacali sono state convocate per discutere il seguente ordine del giorno: “concertazione ai sensi dell' art. 22 comma 2 CCNI 29 luglio 2010”. Pubblichiamo il testo dell’art. 22 CCNI 29.7.2010.

 
109 - Dirigenti - Schema di decreto incarichi dirigenziali di seconda fascia Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 08 Agosto 2012 22:00

Pubblichiamo lo schema di decreto ministeriale relativo ai criteri di conferimento degli incarichi ai dirigenti di seconda fascia, trasmesso in data odierna alle organizzazioni sindacali.

 
52 - Mobilità - Interpello per un posto di Direttore c/o IPM Bologna Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 29 Marzo 2012 17:13

Pubblichiamo l’interpello per la copertura di n. 1 posto di direttore dell'Istituto Penale per i Minorenni di Bologna riservato al personale appartenente al profilo professionale di direttore area terza, posizione economica F4 o F5, trasmesso in data odierna alle organizzazioni sindacali.

 
51 - Organici - Risultati dell'incontro di oggi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 29 Marzo 2012 17:04

Si è svolto stamane il programmato incontro sulla rideterminazione delle dotazioni organiche. Nel corso della riunione la CISL, preso atto della documentazione fornita dall’amministrazione, ha espresso il suo forte dissenso sul taglio degli organici il quale, pur essendo stato imposto dalla legge, pregiudica fortemente la funzionalità delle strutture minorili. La CISL ha inoltre stigmatizzato la circostanza che mentre per la organizzazione giudiziaria sia stata disposta una deroga ai tagli degli organici, per la Giustizia Minorile e per gli altri dipartimenti del Ministero ciò non sia avvenuto.

 
50 - Dirigenti - Disciplina incarichi dirigenziali di seconda fascia: i risultati dell'incontro di oggi Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 29 Marzo 2012 16:28

Si è svolto in data odierna il programmato incontro sulla disciplina degli incarichi dirigenziali di II^ Fascia. Nel corso della riunione la CISL ha preso atto della bozza predisposta dall’amministrazione e, considerato il numero esiguo dei dirigenti in servizio, ha invitato la stessa ad attivarsi presso i competenti organi di Governo al fine di ottenere l’autorizzazione a bandire concorsi. La CISL, inoltre, a fronte della norma che consente di conferire incarichi dirigenziali di seconda fascia a personale esterno, ha invitato l’amministrazione a valorizzare i dirigenti di ruolo nell’amministrazione della giustizia minorile.

 
45 - Organici - Convocate le organizzazioni sindacali Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 22 Marzo 2012 16:00

Le organizzazioni sindacali sono state convocate per il giorno 29 marzo p.v., ore 11.00, al fine di discutere della rideterminazione delle dotazioni organiche. Pubblichiamo copia della convocazione e della documentazione allegata. Vi terremo informati.

 
44 - Dirigenti - Disciplina incarichi dirigenziali di seconda fascia: convocate le oo.ss. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 22 Marzo 2012 13:00

Le organizzazioni sindacali sono state convocate per il giorno 29 marzo p.v., ore 10.00, al fine di discutere della bozza di disciplina degli incarichi dirigenziali di II^ Fascia presso il Dipartimento Giustizia minorile. Vi terremo informati.

 
29 - Dirigenti - Disciplina incarichi dirigenziali di seconda fascia Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 09 Marzo 2012 21:46

Pubblichiamo la bozza della disciplina sul conferimento degli incarichi dirigenziali di seconda fascia, trasmessa in data odierna alle organizzazioni sindacali.

 
19 - Riforma del Dipartimento della Giustizia Minorile - La CISL ribadisce il suo NO Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Venerdì 24 Febbraio 2012 19:27

Con nota inviata in data odierna al Ministro della Giustizia, la CISL, riservandosi ulteriori iniziative, ha ribadito la sua netta contrarietà alla riforma organizzativa del Ministero della Giustizia che prevede la sottrazione al Dipartimento della Giustizia Minorile delle gestioni del personale e dei beni e servizi e la soppressione delle relative Direzioni Generali.
Pubblichiamo copia della nota inviata al Ministro.

 

 
184 - Dirigenti - La CISL sollecita il pagamento dell'accordo sulla retribuzione di risultato Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 28 Settembre 2011 19:39

In data odierna la CISL ha invitato l’amministrazione a porre in essere quanto necessario per addivenire in tempi rapidi alla liquidazione delle somme dovute a titolo di retribuzione di risultato in applicazione dell’accordo sottoscritto lo scorso mese di giugno. Ed invero il predetto accordo, benché esigibile (lo stesso è stato approvato dagli organi di controllo e vi è la disponibilità delle somme), risulta ad oggi disapplicato. Terremo informati i lavoratori interessati sugli sviluppi dell’iniziativa.

 
122 - Contratto Integrativo - Progressioni economiche: prossima la pubblicazione delle graduatorie Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 14 Giugno 2011 10:24

Il Direttore Generale del personale e della formazione Luigi Di Mauro, con nota 14 giugno 2011, ha comunicato alle oo.ss. che saranno pubblicati sul sito internet istituzionale i provvedimenti conclusivi della procedura di autotutela relativi ai passaggi economici di cui al CCI del 29/07/2010. Pubblichiamo copia della comunicazione.

 
119 - Dirigenti - Retribuzione di risultato anni 2007/2010: sottoscritto accordo in via definitiva Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 08 Giugno 2011 21:21

Questa mattina, presso il Dipartimento per la giustizia minorile, è stato sottoscritto l’accordo sui criteri per la corresponsione ai dirigenti di seconda fascia della retribuzione di risultato per gli anni 2007/2008/2009/2010, modificato a seguito dei rilievi formulati dagli organi di controllo.
Pubblichiamo copia dell’accordo sottoscritto.

 
100 - Buoni pasto - La CISL chiede la corretta applicazione della normativa e l'emanazione di una circolare sulla materia Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Mercoledì 11 Maggio 2011 14:15

Poiché risulta che presso l’amministrazione della giustizia minorile l’attribuzione dei buoni pasto non sempre avviene in conformità alla normativa vigente (in particolare ai lavoratori che superano le sei ore di lavoro ordinario non sempre è riconosciuto il buono pasto) la CISL, con nota indirizzata al Direttore Generale del personale e della formazione, ha chiesto in data odierna l’emanazione di una circolare sulla materia per consentire il riconoscimento dei buoni pasto secondo diritto su tutto il territorio nazionale.

 
30 - Contratto Integrativo - Progressioni nelle aree: in corso di pubblicazione il PDG di sospensione delle graduatorie Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 17 Febbraio 2011 19:44

In data odierna l’amministrazione ha comunicato alle organizzazioni sindacali che è in corso di pubblicazione sul sito del Ministero della Giustizia (www.giustizia.it) il PDG di sospensione degli effetti delle graduatorie relative alle progressioni nelle aree del personale della giustizia minorile. Tale sospensione è finalizzata ad una rettifica delle graduatorie ad istanza dei lavoratori interessati.

 
256 - Contratto Integrativo - Progressioni economiche: pubblicati i provvedimenti Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Lunedì 27 Dicembre 2010 22:48

Il Direttore Generale del personale e della formazione Luigi Di Mauro ha comunicato alle oo.ss. che saranno pubblicati sul sito internet istituzionale i provvedimenti relativi ai passaggi economici di cui al CCI del 29/07/2010. Pubblichiamo copia della comunicazione.

 
241 - Dirigenti - Retribuzione di posizione e dirisultato: firmato il nuovo accordo Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Giovedì 09 Dicembre 2010 03:23

Il 6 dicembre scorso è stato sottoscritto il nuovo accordo relativo alla retribuzione di posizione e di risultato dei dirigenti della Giustizia Minorile. L’accordo sottoscritto è identico a quello già raggiunto lo scorso 3 giugno, salvo alcune modifiche apportate alle tabelle allegate all’accordo. Il pagamento delle somme avverrà entro fine anno.

 
229 - Dirigenti - Retribuzione di posizione e di risultato: nuova convocazione per il 6 dicembre p.v. Stampa E-mail
Giustizia Minorile
Martedì 30 Novembre 2010 23:00

In relazione all'avvenuta rettifica di alcune tabelle allegate all'accordo del 3 giugno 2010, a scioglimento della riserva, le organizzazioni sindacali sono state convocate, per l'approvazione della bozza di variazioni per il giorno 6 dicembre 2010, ore 11.00. Vi terremo informati.

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2